Non esiste un elenco esaustivo delle varie tipologie di nulla osta che possono essere rilasciati dalle Case Costruttrici. In generale i nulla osta devono essere richiesti, oltre che per le modifiche elencate all’art. 236 del regolamento di esecuzione del C.d.S., anche per uno dei seguenti interventi:

  • aggiunta di pneumatici non previsti in prima omologazione;
  • cambio di destinazione d’uso del veicolo (da autocarro di cat. N1 in autovettura di cat. M1 e viceversa);
  • installazione di accessori esterni di carrozzeria (paraurti per impiego gravoso, verricello, gancio di traino, filtro di aspirazione di tipo snorkel, ecc.);
  • allestimenti speciali (lama sgombraneve, modulo antincendio);
  • allestimenti per diversamente abili;
  • allestimenti e trasformazioni per veicoli industriali e commerciali;

Al pari dei nulla osta possono essere rilasciati elaborati tecnici utili ad agevolare le operazioni di immatricolazione in Italia (nazionalizzazione) di veicoli di provenienza estera. Tra questi i più comuni sono:

  • scheda della caratteristiche tecniche;
  • rispondenza del veicolo a direttive e/o regolamenti comunitari CE;
  • certificato di origine;

E’ opportuno osservare che il rilascio del nulla osta può, in alcuni casi, essere negato dalla Casa Costruttrice per motivi che possono essere di natura sia tecnica che commerciale, ciò anche se la richiesta dell’utente sembra essere in pieno accordo con quanto disposto dalla normativa vigente.